8 aprile 2012, Politica e società

“Nuove regole in pochi mesi. Nessuno si metta di traverso”.Intervista a Pierluigi Bersani

di Maria Teresa Meli

Onorevole Bersani, che cosa l’ha spinta ad appellarsi ad Alfano e Casini per promuovere una legge sui bilanci dei partiti?

«Io sono convinto che nei prossimi dodici mesi dovremo affrontare un passaggio drammatico: o saremo in grado di consegnare all’Italia un assetto costituzionale occidentale del nostro sistema politico, riformandolo, o ci arrenderemo a un’eccezione italiana, passando da un populismo all’altro. Siccome il nostro obiettivo è il primo, è chiaro che dobbiamo riuscire ad affermare una democrazia moderna in cui i partiti non rispondano solo ai loro elettori e iscritti. Per raggiungere questo traguardo dobbiamo riuscire a varare una legge seria perché le forze politiche abbiano bilanci certificati e controllati, codici etici, meccanismi trasparenti di partecipazione alla vita interna, regole per le candidature. In questo senso vanno previste anche delle sanzioni, come l’esclusione dai finanziamenti ed eventualmente anche il divieto di presentazione liste. Noi avevamo presentato per tempo una nostra proposta e ora diciamo “acceleriamo assolutamente”, perché i fatti che stanno emergendo sono allucinanti».

Si riferisce alla Lega?

«Sì ma non solo, e in ogni caso c’è un punto da sottolineare: in questi anni siamo slittati verso una personalizzazione talmente accesa, con la costituzione di partiti quasi personali, che, com’era inevitabile, ha portato alla creazione di cerchie ristrette, familismi, corti, sistemi feudatari di vassalli valvassori e valvassini, con imperatori capaci di nominare anche i cavalli. Insomma, in queste condizioni non poteva non prendere piede un sistema opaco. Quando io tre anni fa dicevo che non metterò mai il mio nome sul simbolo non volevo fare demagogia, ma intendevo dire che i partiti devono essere un patrimonio collettivo, quasi istituzionale, non posso essere piegati a una logica personale, che tra l’altro ci ha consegnato una legge elettorale dove sono stati possibili casi come quelli di Calearo e Scilipoti che lasciano esterrefatti. Dobbiamo correggere queste derive e prendere esempio dalle normali democrazie occidentali che non hanno questi fenomeni perché lì i leader sono leader pro tempore, secondo regole che i partiti si danno».

Lei pensa che i partiti italiani abbiano gli anticorpi necessari?

«Assolutamente sì, guardi noi: per esempio, le primarie, che pure sono un meccanismo da migliorare, rispondono proprio all’esigenza di avere un partito, per così dire, all’aria aperta. Lo stesso dicasi per la decisione che abbiamo preso a suo tempo di far certificare i bilanci. Per lo stesso motivo affermo che dopo Bersani ci saranno le primarie, niente cooptazioni, ma meccanismi di partecipazione. La strada è questa e non riguarda solo noi che per primi abbiamo adottato questo meccanismo, dovrà riguardare tutti se vogliamo un sistema trasparente e democratico».
Sarete in grado di fare questa legge o ancora una volta toccherà al governo cavarvi d’impaccio?
«Un minimo comune denominatore tra i partiti per fare una legge sui finanziamenti c’è e ci può essere. C’è tutta la possibilità di lavorare su questo nelle prossime settimane».

Non le sembra di peccare d’ottimismo?

«Voglio dire la verità: io avevo scritto questa lettera dicendo di tenerla riservata e di lavorarci sopra, sono stati Alfano e Casini a dirmi “no, tiriamola fuori e impegniamoci a fare queste cose”. Questo significa che la volontà c’è. Immagino perciò che nei prossimi giorni si avvierà una discussione approfondita non solo tra noi tre. Se ci mettiamo seriamente all’opera ce la possiamo fare in poco tempo. Faccio un esempio, nella mia proposta di legge si prevede di mettere a sistema un meccanismo di primarie, ma se gli altri non sono pronti, possiamo vedere questa questione più avanti; però sulla certificazione dei bilanci, sulla necessità di inserire una soglia molto bassa per cui bisogna dichiarare i soldi che un partito ha ricevuto, sull’obbligatorietà di pubblicazione su Internet dei nostri bilanci possiamo metterci d’accordo rapidamente».

E poi verrà varato un decreto per fare velocemente?

«Per quel che riguarda lo strumento, per me può anche essere un progetto di legge di pochi articoli, che abbia una corsia ultrapreferenziale. Non escludo nemmeno, una volta stabilito il contenuto, sentito il governo, e, naturalmente il presidente della Repubblica, che ci si possa avvalere di uno strumento straordinario come il decreto. A me interessa la sostanza: in pochi mesi dobbiamo arrivare a una soluzione».

Intanto continuerete a prendere rimborsi senza spenderli tutti per le attività elettorali.

«Vorrei chiarire subito una cosa. C’è già stata una drastica riduzione del finanziamento della politica perché nel 2010 erano stanziati 289 milioni di euro, che diminuendo di anno in anno arriveranno ai 143 del 2013. Inoltre non è più vero che se si interrompe la legislatura continua il finanziamento. Dal 2011 non è più così. Con questa tagliola significa che non sarà più nemmeno possibile che partiti ormai morti ricevano dei soldi. Con queste novità, il finanziamento della politica in Italia diventerà inferiore a quello che è in Germania, in Francia o in Spagna. Ciò detto, è vero che il meccanismo adesso lascia un margine d’ambiguità. Sotto il titolo rimborso elettorale c’è, come negli altri Paesi, un forfait che riguarda il finanziamento dell’attività politica e non solo quello della campagna elettorale. Si può riconsiderare questo aspetto, ma l’importante è essere d’accordo su due punti di fondo. Primo, il finanziamento alla politica da Clistene e Pericle in poi c’è sempre stato nelle democrazie per evitare plutocrazie, oligarchie e dominio. Secondo, è vero che bisogna adeguarsi ai parametri europei, laddove non ci fossimo ancora, ma è soprattutto necessario prevedere un sistema di controllo che ora non c’è. Bisogna dire quali sono le regole, scriverle in una legge e avere qualcuno che le certifichi. Su questo fronte l’Italia adesso non è a posto. Senza certificazione regolare non deve essere più possibile prendere i soldi: i partiti non sono associazioni private per cui possono anche mantenere le famiglie dei loro leader, sono l’ossatura della democrazia».

Che cosa risponde a chi dice che i partiti si sono svegliati solo ora che sono ricoperti dagli scandali? Lo sapete che gli elettori non hanno più fiducia nelle forze politiche.

«Veramente sono due o tre anni che noi del Pd abbiamo elaborato quattro-cinque progetti in materia che ora abbiamo unificato. E voglio essere chiaro: se non riusciamo a risolvere un problema di questo genere ci meritiamo come sistema politico la sfiducia degli italiani. Su questo sconti non se ne faranno. Adesso partiamo, troviamo una soluzione e chi si volesse mettere di traverso se ne prenderà la responsabilità. Facciamo quattro articoli e poi parliamo con la Lega, con l’Idv, con chi sta in Parlamento. Il resto lo vedremo più approfonditamente dopo».

La gente non ha più fiducia nei partiti: perché dovrebbe accettare che vengano finanziati pubblicamente?

«Se vogliamo somigliare alle democrazie europee dobbiamo prevedere che la politica venga finanziata. Altrimenti ci ribeccheremo un miliardario che suona il piffero con tutti che gli vanno appresso».

(“Il Corriere della Sera”, 8 aprile 2012)

1 commento per : “Nuove regole in pochi mesi. Nessuno si metta di traverso”.Intervista a Pierluigi Bersani

  • Fausto Giannini

    L’immaginifico Bersani non si smentisce, anche se anche lui ha commesso almeno un errore nell’uso della brillantina. Se uno lo sta ad ascoltare sembra sempre che lui abbia già fatto tutto, abbia previsto anche di più e che sono sempre gli altri ad essere mancanti. In realtà chi legge tra le righe capisce che non è così, che anche lui come molti altri politici bleffa clamorosamente, che cavalchi l’onda o almeno cerchi di prenderla “al mascone”. Quello che è successo con Penati lo dimostra, un vice che risulta corrotto non può che lasciare un’ombra sul suo capo…La risposta data alla domanda se si erano svegliati solo ora rispetto agli scandali è sintomatica di come non ci sia mai stata la dovuta attenzione al problema: “adesso partiamo, troviamo una soluzione e chi si dovesse mettere di traverso…” ecco l’immaginifico, ed il finale pifferaio magico Berlusca che trascina i semideficenti italiani verso il baratro. Troppo comodo.

Lascia un commento

 

 

Visitatori

  • 798771 visite totali
  • 123 visite odierne
  • 4 attualmente connessi