15 marzo 2012, Cultura - Politica e società

La voce di Turoldo

Nebbia e sole (fog and sun)di Tonio Dell’Olio

Vent’anni sono passati dal giorno in cui la voce tuonante di Davide Maria Turoldo si è spenta per sempre. Un poeta innamorato di Dio e della sua terra che non è il cielo. Un uomo perduto come può esserlo chi ama. Turoldo che aveva vissuto la resistenza per consegnare un altro domani alle future generazioni e Turoldo che aveva vissuto la stagione conciliare con il cuore straripante di speranza per la Chiesa e per il mondo intero. No, quella voce non si è mai spenta e continua a tormentare le nostre coscienze, a incalzare i nostri giorni, a profumare la nostra preghiera. È il segreto della poesia. Parole ridotte all’essenza della vita. Lamento, grido e canto. Davide Maria Turoldo ha messo in versi i nostri passi incerti trasformandoli in danza. Per questo gli siamo grati. E per il suo impegno senza riserve, per il suo parlar chiaro, per aver condannato alla macchia ogni timore reverenziale. E per aver aperto la parola al dialogo e all’incontro. E per mille altre cose ancora di cui ogni tanto oggi ci sentiamo orfani.

(www.mosaicodipace.it , rubrica “Mosaico dei giorni”, 6 febbraio 2012)

Lascia un commento

 

 

Visitatori

  • 647771 visite totali
  • 310 visite odierne
  • 3 attualmente connessi