11 agosto 2012, Globalizzazione ed Europa

La Germania davanti al bivio

Sunset in Marburg, Germanydi Barbara Spinelli

A volte, quando critichiamo Angela Merkel, dimentichiamo quel che sta succedendo in Germania: l’astio che domina tanti commenti di cittadini e politici, contro un’Europa del Sud che sta divenendo loro estranea. L’esigenza democratica, che si mescola ambiguamente a un nuovo nazionalismo e che spinge i tedeschi a fidarsi quasi solo della Corte costituzionale: proprio ieri, la Corte ha iniziato l’esame degli impegni presi da Berlino a Bruxelles, per verificare la loro compatibilità con la sovranità del popolo e del parlamento. Il Sud Europa non si stanca di ammonire Berlino, evocando l’espandersi di sentimenti antitedeschi. Ma conoscono poco i sentimenti antieuropei che si addensano in Germania.
Citiamo, fra gli epiteti usati dai frequentatori dei giornali sul web, i più significativi: gli italiani, greci, spagnoli, portoghesi sono scrocconi, parassiti, perfidi, svergognati.
Puntando l’indice sul passato tedesco, sono soprattutto ricattatori.
Sono «cani, e che abbaino pure alla loro altezza ». Un lettore conclude: «Chi ha amici simili, non ha più bisogno di nemici». L’astio colpisce anche europeisti come gli ex cancellieri Schmidt e Kohl, i verdi Trittin e Roth, l’ex ministro degli Esteri Joschka Fischer («un depravato morale»): sono «traditori del popolo», «odiatori della Germania ».
Bastano queste citazioni per capire che sarà pieno di insidie, il cammino degli europei verso una progressiva messa in comune dei debiti. La parola solidarietà è vista come una trappola, tesa per costringere i tedeschi a svenarsi per espiare chissà quale colpa.
Questo clima va tenuto presente, quando si parla di scudo antispread o Fondi salva- stati, o si celebrano i progressi raggiunti ai vertici europei. È un clima incendiario, che le classi dirigenti tedesche non sanno evidentemente governare: il più delle volte lo lusingano, altre volte lo contrastano, ma avendone paura. Manca tragicamente la pedagogica capacità di spiegare le cose «nei dettagli»: è l’accusa, pesante, che il Presidente Gauck ha rivolto sabato al governo. Né serve la politica dei piccoli passi: solo un salto qualitativo (Unione politica, potenziamento della Bce) creerebbe la scossa che calmerebbe gli animi oltre che i mercati. Le misure piccole sono vissute come una tortura della goccia cinese. Ma nessuno osa, e tra chi osa di meno nelle classi dirigenti ci sono gli economisti: una corporazione che ovunque ha mancato — salvo eccezioni — l’appuntamento con la crisi del 2007-2008.
Ben 172 economisti tedeschi, e non dei minori, hanno firmato giovedì un appello in cui intimano al governo di non cedere alle pressioni e ricusare le misure concordate al vertice del 28 giugno, troppo costose per Berlino. Pur non firmando, è d’accordo anche il governatore della Bundesbank Weidmann, ostile a scudi salvaspread e unione bancaria. Weidmann è membro di un’istituzione comunitaria (il Consiglio direttivo della Bce), e l’uscita è quantomeno anomala.
All’appello dei 172 hanno risposto due contro-appelli, firmati tra gli altri da Peter Bofinger e Bert Rürup, membri del Consiglio degli esperti economici che nel 2011 suggerì una messa in comune parziale dei debiti: i 172 sono accusati di nazionalismo e incompetenza. Siamo, insomma, di fronte a un grande dibattito che lascerà tracce, non dissimile dalla disputa fra storici del 1986-87 attorno al passato nazista.
Oggi è l’economia al centro, e il ruolo più o meno egemonico, o dominatore, che Berlino deve svolgere nell’Unione.
L’economia può sembrare un tema minore, ma per la storia tedesca non lo è affatto. Quando la Repubblica federale nacque dalle rovine della guerra, l’economia prese il posto della coscienza nazionale, statale, democratica. Quanto all’egemonia: molti invitano la Merkel a esercitarla –— Obama per primo — ma Berlino tentenna. Non dubita del proprio modello economico, che giudica anzi l’unico valido, superiore a ogni altro. Quel che fatica a fare, è guidare con efficace magnanimità i paesi deboli dell’Unione, come fecero gli americani col Piano Marshall nel dopoguerra. Irretita in dogmi contabili, la Germania ricade nel passato: sa comandare, non ancora guidare.
Il dogma non è solo quello che impone di mettere la «casa in ordine»
prima di creare unioni transnazionali (l’assioma non tiene, perché l’unione sovranazionale muta l’ordine casalingo). Dogmatico è il primato dell’economia, fonte pressoché unica dello Stato e della democrazia. Divenne tale soprattutto nel dopoguerra, quando ai tedeschi era negato il diritto di divenire Stato giuridico, ma ha radici lontane. È dai tempi dell’Unione doganale (il Zollverein
del 1834 e 1866) che i tedeschi fanno dell’economia il sifone della comunità politica. L’Unione europea deve ricalcare quel modello, che peraltro fallì quando la Prussia inglobò la Confederazione tedesca del nord: prima viene l’economia, poi la politica, lo Stato, il consenso dei popoli. Come scrive Marco D’Eramo su Micromega, anche in Europa, come nello Zollverein, «è la moneta a “battere” lo Stato invece dello Stato a battere moneta». La Merkel e il ministro Schäuble nuotano contro una corrente forte e anche contro se stessi, quando implorano un’unione politica federale: non ascoltarli, come non fu ascoltato Kohl, è letale.
Il primato economico ha una storia nel pensiero tedesco che va esplorata, se non vogliamo che l’unità europea degeneri in guerra prima verbale, poi civile. Alle origini, c’è l’esperienza d’un paese vinto dalla guerra, dimezzato, che nell’economia vide un surrogato di sovranità statale. Gli artefici del nuovo Stato economico furono Ludwig Erhard e i cosiddetti ordoliberali, che negli anni fra le due guerre avevano osteggiato l’idea keynesiana che i mercati possano, debbano esser governati.
L’ordoliberalismo divenne il credo della Repubblica federale, la via per uscire dallo statalismo nazista. Vale la pena ricordare come ne parla Michel Foucault, nelle lezioni del 1978-79. Le parole- chiave furono quelle che Erhard, futuro Cancelliere e allora responsabile
dell’amministrazione nella zona occupata dagli anglo-americani, pronunciò il 28 aprile ’48: «Bisogna liberare l’economia dai vincoli statali (…) ed evitare sia l’anarchia sia lo Stato-termite. Solo uno Stato capace di stabilire al contempo la libertà e la responsabilità dei cittadini può legittimamente parlare in nome del popolo». Decaduto lo Stato, solo la libera economia poteva ricostituirlo. Un marco solido, una crescita forte, una bilancia dei pagamenti salda: divennero la sovranità sostitutiva della Germania. «La storia aveva detto no allo Stato tedesco, ma d’ora in poi sarà l’economia a consentirgli di affermarsi», e in più di dimenticare un nazismo che non «parlava in nome del popolo» (Foucault, Nascita della biopolitica, Feltrinelli 2005). Mettere la casa in ordine, e soltanto dopo farsi Stato: il prototipo dello Zollverein fu ripreso da Erhard, e ora va applicato all’Europa. Gli Stati sono incitati a cedere sovranità, ma la costituzione europea sarà economica e di marca tedesca, o non sarà. È stupefacente la disinvoltura con cui un uomo intelligente come Thomas Schmid, vicino nel ’68 a Fischer e Cohn-Bendit, confonda il comando con l’egemonia, nel carteggio con Ezio Mauro apparso il 28 giugno su Repubblica: «La Germania deve usare la sua forza per aiutare altri, deve diventare un amministratore e garante per la stabilità riconquistata di Stati oggi deboli (…) deve essere egemone, ma in modo amichevole».
Forse è qui uno dei nodi da sciogliere, nelle discussioni fra governi e fra economisti. L’operazione tedesca è singolare. Parla di Federazione, ma intanto tratta i paesi meridionali dell’Eurozona come se fossero nazioni dimezzate e vinte in guerra, i cui Stati hanno perduto non tanto consistenza, quanto legittimità. Come se tutti dovessero percorrere la via tedesca, pur venendo da storie così diverse.

(“La Repubblica”, 11 luglio 2012)

Lascia un commento

 

 

Visitatori

  • 525309 visite totali
  • 113 visite odierne
  • 8 attualmente connessi