3 ottobre 2012, Cultura - Recensioni

Così la psicoanalisi va lontano da Freud

di Luciana Sica

Quando si dice psicoanalisi, inevitabilmente si pensa a Freud.
Ma negli ultimi quarant’anni sono comparse teorie decisamente innovative che sembrano non solo distaccarsi, ma rompere con i principi classici del caposcuola.
Questo libro punta allora a individuare la traiettoria che dal sistema freudiano porta alle visioni contemporanee. Tutt’altro che un manuale pratico, è una guida eccellente per chi vuole saperne di più sugli sviluppi straordinari che ci sono stati, sulle diverse posizioni che si fronteggiano e a volte si contrastano.
Il lettore tenderà a chiedersi: c’è o no una continuità tra Freud e la psicoanalisi contemporanea? Cosa si può salvare e cosa si deve scartare?
Eagle, analista di Los Angeles e grande teorico della disciplina fondata dal maestro viennese, non esclude una “parziale integrazione” tra il pensiero classico e quello assai più variegato di oggi.
L’autore – che non trascura le ricerche empiriche ed accademiche – fa parte della redazione di Psicoterapia e Scienze Umane , ed è stato il condirettore della rivista, Paolo Mignone, a curare questo saggio, così preciso ed equilibrato.

Da Freud alla psicoanalisi contemporanea
di Morris N.Eagle
Cortina editore, trad. di Danila Moro, pagg.360

(La domenica de “La Repubblica”, n.374, 2012)

Lascia un commento

 

 

Visitatori

  • 646574 visite totali
  • 430 visite odierne
  • 7 attualmente connessi